Sciopero nazionale trasporto pubblico locale

25 novembre: 4 ore di sciopero

Ascoli Piceno -

Dopo gli inefficaci provvedimenti governativi dei mesi scorsi in merito alle condizioni dei lavoratori TPL,  nel mezzo della seconda ondata si corre ai ripari riducendo l'utenza e “raccomandando” alla stessa di evitarne l'uso, con la ministra Paola De Micheli che garantiva pubblicamente sulla sicurezza dei mezzi di trasporto.

Eppure, secondo un documento INAIL-ISS, il trasporto pubblico, se non interessato da efficaci interventi (implementazione dei mezzi e dei servizi, garanzia del mantenimento del distanziamento, interventi periodici di sanificazione, reale controllo degli accessi, ecc..), “deve essere considerato un contesto a rischio di aggregazione medio-alto, con possibilità di rischio alto nelle ore di punta, soprattutto nelle aree metropolitane ad alta urbanizzazione”.

Invece ora si scelgono soluzioni che non porteranno alcun risultato in grado di garantire il Diritto alla Mobilità nella piena tutela della salute e della sicurezza collettive.

È necessario programmare e poi applicare tutta quella serie di interventi strutturali e definitivi che diano dignità alla qualità dei servizi; una dignità che è andata sgretolandosi negli ultimi 20 anni, caratterizzati da privatizzazioni selvagge la cui parola d'ordine è “pubblicizzare le perdite e privatizzare i profitti”!

Su questi temi l'Assemblea nazionale settore TPL dell'Unione Sindacale di Base – USB Lavoro Privato, proclama uno sciopero nazionale di 4 ore per mercoledì 25 novembre 2020, rivendicando un servizio pubblico sicuro e dignitoso che risponda in modo efficiente alle reali esigenze dei territori in un contesto di lavoro sano e rispettoso tanto degli operatori quanto dei cittadini.

USB denuncia inoltre:

  • Un vergognoso ritardo nella corresponsione delle somme dovute alla cassa integrazione;
  • L’assenza delle deroghe normative necessarie alla distrazione di utilizzo dei veicoli M2 –M3 Classe 2 e 3 nonché alla possibilità di riempimento all’80% dei veicoli M 2 –M3 Classe 2 per tutta la lunghezza della linea e non sulla specifica tratta;
  • L’assenza di misure a sostegno dei lavoratori del TPL varate dal Governo che si è mosso unicamente in favore delle aziende  prevedendo sia il finanziamento al 100% dei corrispettivi, sia un fondo di 600 milioni per il risarcimento dei mancati introiti e ulteriori 300 milioni per il rafforzamento del servizio con acquisto e/o noleggio mezzi.   Misure completamente disattese che hanno solo sottratto risorse per la garanzia dei livelli occupazionali e salariali agli addetti del settore;
  • L’assenza di una politica atta alla ripubblicizzazione dei servizi essenziali, di un piano nazionale della mobilità e di interventi strutturali che sappiano rispondere alle reali esigenze dei territori nella quantità, qualità e sicurezza del servizio.

MODALITA' DI SCIOPERO

Personale Viaggiante: dalle ore 11:00 alle ore 15:00 del 25.11.2020.

Personale amministrativo, di terra, di officina e lavaggio, addetti ai servizi interni (Operai edimpiegati): le ultime 4 ore del turno del 25.11.2020.

È ora di unirci e far sentire la nostra voce per un servizio pubblico che tuteli la salute di lavoratori e cittadini!

Gli autoferrotranvieri ed il Trasporto Pubblico Locale meritano il giusto sostegno!

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati